Giorno 121

Di prima mattina dalla sabbia l’umidità torna nell’aria. Sdraiandosi si può quasi sentirla uscire lentamente.
Il sole scalda la spiaggia e piano piano la asciuga restituendole il suo colore più chiaro.

Intorno a me una decina di anzianotti che, ognuno al suo ritmo, organizzano, chi il proprio ombrellone, chi un telo, chi una comoda sediolina pieghevole che rimpiango di non aver portato anche io.

Forse la forma della “baia” o forse il silenzio incredibile per una spiaggia di Rimini a metà Luglio, mi permettono di sentire anche i discorsi più lontani. Ed eccole lì, con i loro capelli e cappelli bianchi e il loro sacchetto di vongole che, immerse fino alle ginocchia parlano di questo e di quello…
Pare quasi che litighino, ma, poi, una sincera risata mi ricorda di quanto, tutto sommato, non sia così difficile godersi questa vita.

20130715-082115.jpg

facebooktwittergoogle
Questa voce è stata pubblicata in Giorni. Contrassegna il permalink.

Lascia un Commento